Per un preventivo o informazioni chiamaci: +39 0721 422149

    Blog

    AISI 304 e AISI 316: le differenze tra gli acciai

    Con il termine acciaio inossidabile (o acciaio inox) vengono genericamente definiti le leghe ferrose contenenti cromo, generalmente in quantità fra l’11 ed il 30%. Il cromo conferisce all’acciaio un film protettivo anti corrosione. Altri leganti possono essere il nichel, il rame, il titanio, il molibdeno e il niobio. La quantità totale di questi leganti non deve superare il 50%. Se la percentuale è più elevata, non si parla più di acciai ma di leghe inox austenitiche. Il variare di ogni singolo legante influisce sulle caratteristiche strutturali, meccaniche e di corrosione dell’acciaio.
    In base alla struttura, gli acciai si suddividono in:

    • martensitici sono leghe al cromo nell’intervallo percentuale di 11% – 18 % con una quantità rilevante di carbonio contenente altri elementi come manganese, silicio, cromo e molibdeno
    • ferritici ossia acciai inossidabili contenenti solo cromo nell’intervallo percentuale di 12% – 17 %
    • austenitici ossia acciai inossidabili contenenti nichel ( 8% -14%), cromo ( 17% -19%) ed una eventuale piccola quantità di molibdeno ( 2% -3%)
    • austeno-ferritici (o duplex) ossia acciai inossidabili contenenti Cromo (18% – 26%) , Ni (4,5%-6,5%), ed una eventuale piccola quantità di molibdeno ( 2,5% -3%)

    Le sigle AISI 304 e AISI 316 indicano un acciaio inox austenitico di alta qualità contenente Cromo (18%) e Nichel (8%). Infatti l’acciaio inossidabile AISI 304 è anche definito dalla sigla 18/8 proprio in riferimento alla quantità di Cromo e Nichel. L’AISI 304 è l’acciaio generalmente più utilizzato per posate, cappe, cucine, lavelli etc.
    Per altri i tipi di utilizzo e per l’ambiente esterno è invece più indicato l’acciaio certificato AISI 316 (acciaio 18/8/3) che contiene una percentuale del circa 3 % di molibdeno che assicura una miglior resistenza alla corrosione dei cloruri . Per questo è l’acciaio di prima scelta impiegato nella carpenteria navale.

    I tecnici della Carpenteria Navale Panicali vi assicurano il miglior acciaio certificato in rapporto al suo utilizzo.

     

    Altri Articoli

    Sono presenti 8 commenti. Aggiungere i tuoi.

    1. giovanni

      grazie molto interessante

    2. Rinaldo

      Rinaldo ,Molto utile grazie.

    3. Massimo Varese

      Le proprietà del nichel in un 304 cosa comportano ? resistenza alla corrosione ?
      E perchè i coltelli monoblocco e le lame dei coltelli vengono fatte in 420 ( solo per una maggior durezza ? ?

      grazie

    4. Vorrei sapere se in ambiente esterno lontano da zone industriali e dal mare si possa usare esternamente (per ringhiere) acciaio AISI 304 in fogli di lamiera preforata diametro 3 mm senza dover fare alcun tipo di trattamento. Vi sarei grato se mi potete rispondere via mail all’ indirizzo aeg_snc@virgilio.it. Ringraziando i porgo cordiali saluti.

    5. andrea

      finalmente ora ho capito le differenze, grazie

    6. Luca D'Angelo

      Buongiorno,
      sono però ancora un po titubante. Devo realizzare una piastra di cottura e la maggior parte delle info che trovo in giro mi portano a farla in aisi 304. Ma molti privati consigliano di farla in 316. A parte il costo maggior ha davvero senso farla di 316 per l’uso previsto?

      Grazie.

    7. Massaro Concetta

      Interessante non conoscevo questa classificazione bene a sapersi

    8. molto interessante grazie

    Lasciare un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    dieci − tre =

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.